10 migliore posti da vedere a Shiraz

Shiraz è la città dell’amore, della letteratura persiana, della gioia e del cibo!
Shiraz è la capitale della provincia di Fars e un tesoro della cultura persiana. Nonostante le sue dimensioni, una popolazione di circa 1,5 milioni, ha mantenuto l’atmosfera rilassata di una città di provincia, con un’università che conserva ancora la sua reputazione. Molti visitatori stranieri sono sorpresi che la città stessa abbia così pochi monumenti storici sopravvissuti quando ci sono tali tesori archeologici nella campagna vicina, ma i terremoti nel corso dei secoli hanno subito un pesante tributo.
Oggi è il posto dove annusare le bellissime rose Shiraz e acquistare il profumo e l’acqua di rose. Shiraz è anche un luogo per passeggiare nei giardini, vedere la Ruota panoramica del Parco Azadi e per ispezionare i tappeti nel bazar.
Ecco una lista delle 10 migliori attrazioni di Shiraz per incoraggiarti a visitare ed esaminare questo centro urbano moderno e anche storico!

1. La Tomba di Hafez

Un giardino circonda la Tomba di Hafiz (Aramgah-e Hafiz), il grande poeta Shirazi (1326-1390) che ha scritto poesie liriche sull’amore e sull’amata, che sono intese come intrise di profondo significato mistico sufi; il suo epiteto ‘Hafiz’ allude alla sua memorizzazione del Corano a memoria. A causa di questa associazione, uno o due dervisci vengono ancora qui il mercoledì e il giovedì, mentre le famiglie si godono il piccolo giardino e la piacevole fine del XVIII secolo (fieno-khane all’estrema sinistra). Karim Khan Zand ordinò una tomba adatta per essere costruita nel 1773 onorare questo famoso figlio di Shiraz ma che fu abbattuto nel 1938 per erigere l’attuale chiosco ottagonale.

Prima di partire, perché non hai detto la tua fortuna? Per una piccola somma, una copia della più famosa antologia di Hafiz, il Divan, verrà aperta a caso in una pagina, o un canarino coglie una carta con distici; i versi offrono un portento per il futuro. Se ti piace andare la sera

2. Il Giardino di Eram ( bagh-e Eram)

Il giardino Eram è uno dei giardini persiani più famosi e belli di tutto l’Iran. Con i loro meravigliosi fiori, l’aria rinfrescante, i mirti aromatici e gli imponenti cipressi, tra cui un albero risalente a 3000 anni fa (Sarv-e naz), i Giardini Eram sono una destinazione turistica importante, specialmente durante la primavera. I turisti  ammirano la meravigliosa flora o seguire l’intricato sistema dei piccoli canali. Assicurati che il tempo sia soleggiato prima di venire qui!

3. La Moschea di Nasir al-Mulk

Shiraz è una delle più antiche città iraniane, con una vibrante cultura di arte e artigianato e una ricca storia, che sono entrambe in mostra spettacolare alla Moschea di Nasir al-Mulk, una delle più belle moschee in Iran. Con abbaglianti vetrate colorate, migliaia di piastrelle dipinte sul soffitto e tappeti persiani che ricoprono il pavimento, questo luogo di culto è un magnifico arcobaleno di colori in ogni direzione, come entrare in un caleidoscopio. All’interno della moschea è un cortile aperto con una piscina rettangolare nel centro, circondata da fiori. La facciata dell’edificio presenta dozzine di archi arabescati, che aggiungono alla bellezza dello spettacolo di luci delle vetrate.

4. Il Mauseleo di Ali Ibn Hamzeh

Nelle vicinanze, giù dal ponte del XVIII secolo, si trova il Santuario di Ali Ibn Hamzeh, costruito forse in epoca pre-Seljuk per onorare un parente del quarto Imam. I suoi due minareti, la cupola esterna, il vestibolo d’ingresso e le stanze del cortile, tuttavia, risalgono alla fine del XVIII e XIX secolo. Se, come è probabile in questi giorni, una visita al santuario di Shah-e Cheragh non è possibile durante il vostro soggiorno, questo santuario possiede una vasta opera di specchi Qajar analoga sulle sue pareti interne e sulle sue volte.

C’è un ingresso (alle donne viene chiesto di indossare un chador) e mentre il muro della qibla si trova immediatamente a destra all’ingresso, bisogna spostarsi rapidamente verso l’uno o l’altro lato per ridurre al minimo l’interruzione a chiunque preghi.

5. Il mauseleo di Shah-e Cheragh

Shāh-é-Chérāgh  in persiano è “Re della Luce”, è un monumento funerario e moschea situato nella città di Shiraz, dove si trova la tomba di Amir Ahmad e suo fratello Mir Muhammad, figli del settimo Imam e fratelli dell’Imam Reza. Dopo aver eseguito le riparazioni essenziali, la regina ordinò che la tomba fosse ricoperta da milioni di pezzi di vetro colorato che brillavano alla luce e ne ingrandivano il suo splendore mille volte. Shah-e-Cheragh è una delle più belle moschee e un importante centro di pellegrinaggio della città di Shiraz.

6. Persepoli e Naqsh-e Rostam

Più di ogni altro sito antico in Iran, Persepolis incarna tutta la gloria – e la scomparsa – dell’impero persiano. Fu qui che i re achemenidi ricevettero i loro sudditi, celebrarono il nuovo anno e governarono il loro impero prima che Alessandro Magno distruggesse tutto il mondo mentre conquistava il mondo.

Il trasporto verso Persepoli e i siti vicini è un problema. C’è un servizio di autobus di linea tra Shiraz e Marv-Dasht ma non per e da Persepolis stessa, quindi la soluzione più semplice è noleggiare (e trattenere per il viaggio di ritorno) un taxi, se non da Shiraz (50 km a sud-ovest) poi da Marv- Dasht circa 15 km Se possibile, due visite dovrebbero essere fatte al sito: al mattino presto per esplorare quando la luce è molto più bianca, e circa 90 minuti prima del tramonto, quando la pietra assume un colore più morbido e dorato.

La maggior parte della pietra ora ha un aspetto ruvido e grigio, un risultato della polvere soffiata dal vento nel corso dei millenni, quindi fate un punto di visita al Museo Nazionale di Teheran per vedere i rilievi “cerati” e l’ensemble di colonne di Persepoli. Questa pietra ricca, marrone scuro insieme a un calcare cremoso era la colorazione originale.

Se sei limitato a una visita, ci vorranno circa tre ore per girare e scattare fotografie, soprattutto se hai intenzione di camminare fino alle tombe reali achemenidi dietro per una magnifica vista sul sito. Prendi un teleobiettivo o un binocolo per vedere queste tombe; questi saranno anche utili se stai andando a Naqsh-i Rustam (di solito incluso nello stesso giorno).

7. Bazaar-e Vakil

Bazaar-e Vakil: l’area principale del bazar si trova a pochi passi dall’arg. Come suggerisce il nome, la sua costruzione faceva parte del vasto programma di costruzione intrapreso da Karim Khan, il cosiddetto vakil (reggente) fino agli ultimi Safavidi. Gli affitti del bazar e del suo hamam hanno dotato la Masjid-e Vakil, costruita intorno al 1773, e per molti anni fuori confine per i turisti stranieri.          

Conserva un senso di intimità nonostante le sue grandi dimensioni ed è organizzato sul piano due-ivan. Quarantotto colonne di pietra tozza, ognuna scolpita in una spirale di zucchero d’orzo, segnano l’area del santuario. Il mihrab originale del 1634, che suggeriva che una precedente moschea fosse stata demolita, non è più sul posto, ma il minbar in pietra del XVIII secolo tagliato da un enorme blocco di marmo è.

Alcune idee sulla decorazione delle piastrelle all’interno possono essere immaginate dai pannelli esterni. I puristi possono sollevare le sopracciglia ai motivi di fiori sgargianti e alla tavolozza colorata pastello, ma i nostri spiriti si elevano a tale allegro ornatezza. Non tutte le piastrelle sono originali, poiché alcuni restauri sono stati eseguiti nel 1828 e negli anni successivi. Accanto alla strada principale si trova lo stabilimento balneare, trasformato nel 2001 in una casa da tè e un ristorante, ma ora chiuso dalle autorità. Recentemente ha riaperto come museo privato di arte e artigianato tradizionale, quindi almeno l’affascinante interno è ancora visibile.

8. Ghalat

 Questo villaggio si trova a 36 chilometri da Shiraz nel nord-ovest della città. Avendo bel clima, terre accattivanti, vicoli tortuosi e il suono delizioso della cascata trasformano questo villaggio in un’area ricreativa. Qalat è montuoso così, ci sono diverse case in tipo di struttura di scala con alberi ad alto fusto che coprono la vista di queste case. Antiche chiese, mulini ad acqua e oggetti artigianali come cesto e artigianato del legno sono tutti concetti interessanti a Ghalat. Camminare in luoghi incontaminati di questa regione rinfresca la tua anima e crea un momento fantastico. Potrete riposarvi nei tradizionali caffè e ristoranti progettati con decorazioni legnose e assaggiare il cibo iraniano e sorseggiare una tazza di tè.

9. Pasargadae

 Pasargadae, patrimonio dell’UNESCO, è la più antica capitale dell’impero achemenide in Persia. Questa polis è stata costruita da Ciro il Grande. Le rovine archeologiche dei suoi palazzi, la disposizione dei giardini e la tomba di Ciro costituiscono un esempio eminente del primo stadio dell’evoluzione dell’architettura reale achemenide.

10. Il Castello di Karim Khan

Precedentemente una prigione, ma ora una meraviglia architettonica in mostra. Il progetto della cittadella combina architettura militare e residenziale, poiché era la casa di Karim Khan e il centro militare della dinastia. Durante il periodo Qajar sono state aggiunte opere di mattonelle che riproducono storie leggendarie al cancello d’ingresso della cittadella.

10 migliore posti da vedere a Shiraz
Rate this